Ringraziamento al corpo elettorale

Carissime Elettrici e carissimi Elettori,

ora che si è chiusa questa lunga campagna elettorale, desidero rivolgere un grazie sincero, davvero di cuore, a tutte le persone che in questi mesi si sono avvicinate al nostro progetto, riconoscendosi in quel bisogno di identità, rispetto, trasparenza, inclusione, che rende unica la nostra comunità e recuperando quello slancio vitale che è l’essenza del nostro lavoro.

Purtroppo il risultato che abbiamo raggiunto con l’appoggio di tanti sostenitori, in tutte le aree dell’Ateneo, non è quello che ci auguravamo, ma è comunque un grande risultato, frutto di un lavoro straordinario di cui non possiamo che essere estremamente orgogliosi, anche perché le condizioni di partenza di questa campagna elettorale erano molto diverse.

Conto che la nuova Rettrice abbia la sensibilità, la saggezza e la lungimiranza per capire che il desiderio di cambiamento esprimeva la necessità profonda di essere riconosciuti come persone, ognuna nel proprio ruolo, legate da fini comuni. Sono certa che restituendo a ciascuno questa identità e governando con la necessaria trasparenza, la nostra Università potrà tornare a essere una comunità coesa, e non ho dubbi che anche i Direttori di Dipartimento lavoreranno in questo senso.

Da molte parti dell’Ateneo ho ricevuto sollecitazioni a non chiudere questa esperienza e stiamo già pensando a iniziative che possano animare la riflessione sui temi al centro del nostro progetto, all’interno e anche sul territorio.

Esco da quest’esperienza arricchita dai vostri sguardi, dal vostro contributo di pensiero, dal supporto che mi avete espresso, di cui sono profondamente grata e che sarà mia cura non disperdere.

A Daniela Mapelli, la prima Rettrice della storia della nostra Università, faccio i migliori auguri di un buon lavoro con l’auspicio che tenga fede alla promessa di ascolto, dialogo, condivisione su cui ha dichiarato di costruire i pilastri del suo mandato di governo.

 

Grazie ancora di cuore
Patrizia Marzaro

Ringraziamento PTA

A tutto il Personale Tecnico Amministrativo, grazie!

Ora che questa lunga campagna elettorale si è chiusa, sento il dovere di rivolgervi un grazie sincero, davvero di cuore, per la fiducia che mi avete dimostrato con il vostro voto.

E’ un risultato di cui sono estremamente orgogliosa, anche perché le condizioni di partenza di questa campagna elettorale erano molto diverse, e nonostante questo, con il lavoro quotidiano ho potuto dimostrarvi il rispetto che ho sempre avuto nei vostri confronti.

 

Come vi ho già scritto, in questi mesi preziosi di incontri ho potuto apprezzare il vostro impegno e l’attaccamento profondo alla nostra Università: questo rimarrà un patrimonio condiviso che io vorrei ritornasse a voi come riconoscimento della vostra professionalità e del vostro ruolo di persone all’interno della comunità accademica.

 

Conto che la nuova Rettrice abbia la sensibilità, la saggezza e la lungimiranza per capire che il desiderio di cambiamento esprimeva la necessità profonda di essere riconosciuti come persone, ognuna nel proprio ruolo, legate da fini comuni. Restituendo a ciascuno questa identità e governando con la necessaria trasparenza, sono certa che la nostra Università potrà tornare a essere una comunità coesa.

 

Da molte parti dell’Ateneo ho ricevuto sollecitazioni a non chiudere questa esperienza e stiamo pensando a iniziative che possano animare la riflessione sui temi al centro del nostro progetto, all’interno e anche sul territorio.

 

Esco da quest’esperienza profondamente arricchita: ho potuto condividere grande impegno, grande senso di responsabilità, entusiasmo e anche momenti di commozione per le espressioni di vicinanza che mi sono arrivate e che porterò sempre con me.

 

A Daniela Mapelli, la prima Rettrice della storia della nostra Università, faccio i migliori auguri di un buon lavoro con l’auspicio che tenga fede alla promessa di ascolto, dialogo, condivisione su cui ha dichiarato di costruire i pilastri del suo mandato di governo.

 

Grazie ancora di cuore e a presto

Patrizia Marzaro